articolo flash - 24 maggio Giornata Internazionale delle Donne per la Pace e il Disarmo

Main Posts Background Image

Main Posts Background Image

martedì, maggio 24

articolo flash - 24 maggio Giornata Internazionale delle Donne per la Pace e il Disarmo

Wangari Maathai, Shrin Ebadi, Rigoberta Menchù, Aung San Suu Kyi, Madre Teresa di Calcutta: donne meritevoli vincitrici del Premio Nobel per la pace. Sono moltissime le donne che hanno fatto e continuano a fare la storia della pace. Con una difficoltà in più, quella appunto di essere donna. E come tali maggiormente soggette a violenze, discriminazioni, esclusione sociale. Le fiere Madres de Plaza de Mayo, che a Buenos Aires si sono battute per assicurare giustizia ai propri figli desaparecidos; o le donne in nero in Iran, coraggiose protagoniste della protesta contro il regime. Sono esempi della straordinaria caparbietà femminile nella lotta per un mondo senza ingiustizie e discriminazioni.

"non c’è alcuno strumento per lo sviluppo più efficace che l’educazione delle ragazze”, disse l'ex Segretario generale delle Nazioni Unite, Kofi Annan. L’empowerment femminile in ogni parte del mondo, è indispensabile per la costruzione del tessuto sociale e dei processi di pace e di sviluppo. C’è ancora molta strada da fare nel riconoscere alle donne pari accesso ai servizi, uguali opportunità di partecipazione ai processi decisionali e retribuzioni per lo stesso lavoro, nonché pari tutela giuridica ed eliminazione di ogni forma di discriminazione sessuale e di violenza.
Nel frattempo, le donne non stanno a guardare. Il contributo che esse silenziosamente offrono per lo sviluppo delle proprie comunità e per i diritti propri e dei loro figli è valso l’avanzamento di una proposta per l’assegnazione del prossimo premio Nobel per la pace alle donne africane.

fonte: Unimondo

PER UNA CORRETTA VISUALIZZAZIONE DEL BLOG SI CONSIGLIA DI UTILIZZARE MOZILLA FIREFOX http://www.mozilla-europe.org/it/

Nessun commento

Error 404

The page you were looking for, could not be found. You may have typed the address incorrectly or you may have used an outdated link.

Go to Homepage