• Il senso del Selvatico

    Con l'arrivo della primavera in giardino e nell'orto spuntano milioni di germogli e di nuovi getti. Certamente è tempo di semine e trapianti, ma soprattutto è tempo di comprendere quanto è già presente nel nostro orto-giardino e cosa indica. Infatti, mentre in molti decidono di affrontare il dilemma del diserbo, altri - tra cui la sottoscritta - decidono di godersi una sorpresa dopo l'altra mentre la terra si riveste nel microcosmo del giardino. Non stiamo qui ora a discutere su l'una o l'altra decisione, ad ognuno il suo orto! Vogliamo piuttosto sottolineare che le piante che si autoseminano ci deliziano con la varietà delle loro forme e in più ci insegnano quello che è meglio coltivare. Esistono testi più o meno recenti e certo non è possibile passare in rassegna tutte le piante in un unico articolo... e non potrei neanche farlo giacché non ne so abbastanza! Il poco che qui condivido è una conoscenza fondata sull'osservazione e l'interazione.
    centocchio comune
    ortica comune
    Ecco dunque che un tappeto di  centocchio (Stellaria media, nota sia per il suo uso alimentare che per quello medicinale; in cucina si possono utilizzare i rametti più teneri per preparare ottime frittate - di uova o con farina di ceci - e zuppe), così come la presenza di ortica (Urtica dioica, pianta di antiche e profonde tradizioni alimentari e fitoterapiche, - le si potrebbe dedicare un articolo interno e forse lo faremo - le cui giovani cime sono ottime per risotti, ripieni, sformati e persino per preparare il pesto!), indica un'area ricca di azoto.


    euforbia minore
    senecione comune
    farinello comune
    L'euforbia (Euphorbia sp.), il senecione (Senecio sp., la cui infusione è un ottimo rimedio per curare infiammazioni alla gola), il farinello comune o chenoponio (Chenopodium album, dopo una veloce sbollentata è ottimo in padella, nelle torte salate e nei risotti, si mangia persino crudo nelle insalate insieme
    veronica officinale
    ad altre erbe e seppure io non l'ho mai fatto so che qualcuno ne mangia i semi germogliati) e la veronica (Veronica sp., utilizzata come ingrediente principale di terapie depurative, come rimedio per il catarro bronchiale e come digestivo) se la cavano anche in suoli più poveri e arricchire il terreno rende più facile la loro eliminazione perché crescono prima di produrre il seme... dunque avete tutto il tempo di assaggiarle!

    tarassaco comune
    A tale scopo il dente di leone (Taraxacum officinale), i cui bellissimi fiori gialli sono una delle gioie che annunciano la primavera, si compone in un'ottima insalata di spontanee insieme ai già nominati centocchio chenopodio, e certamente ad altre commestibili che ancora non ho provato.

    cicerbita violetta
    romice crespo
    attaccamani
    Ottima cruda, ma anche cotta o sott'olio, la cicerbita (Cicerbita alpina) ha accompagnato l'uomo in tutte le sue migrazioni, comparendo in ogni luogo coltivato e, come il senecione, fiorisce tutto l'anno. Riesce ad evitare la lama della zappa e si rompe se si cerca di estirparla, ma assieme al romice (Rumex crispus, commestibile in piccole dosi) e al caglio asprello o attaccamani (Galium aparine, commestibile e officinale, contiene molte proprietà per la circolazione sanguigna, è particolarmente usata in omeopatia; in cucina pare  abbia la capacità di cagliare il latte - Galium deriva dalla parola greca “gala”, che significa "latte" - e che i semi siano un ottimo surrogato del caffè, ma a differenza di esso sono privi di caffeina, e possono essere utilizzati anche per la preparazione di un tè rinfrescante e purificante, dalle forti proprietà toniche) indica un terreno buono, capace di far crescere qualsiasi cosa.

    È chiaro, dunque, che l'identificazione delle specie che crescono spontaneamente sul terreno nudo dà indicazioni sulla salute del suolo e su cosa vi può crescere meglio, oltre a suggerire cosa fare (o non fare) per migliorare la situazione e deliziare il palato! Di conseguenza, lo scopo del diserbo non dovrebbe essere quello di eliminare, bensì di entrare in uno spirito di cooperazione con le piante spontanee. Le radici infatti non hanno la sola funzione di assorbire, ma piuttosto quella di creare un vivace interscambio all'interno del suolo. Anche la biodiversità che sta sopra al terreno dà vita ad una comunità di insetti in cui prede e predatori costituiscono un ecosistema che si autosostiene, che si può osservare e del quale possiamo essere partecipi. Il giardino ha una sua identità e l'idea di diserbare si trasforma nello spirito dell'incontro e nella risposta alla vita di un altro essere. Ogni "erbaccia" trae qualcosa di unico dalla terra e in cambio la arricchisce. Di questo ne sono certa e la considero un'affinità del mondo vegetale con quello umano!

    Per concludere, arriviamo in altre zone del terreno, magari più trascurate - nel senso che stanno ridiventando bosco. Qui possiamo trovare il/la panace (Heracleum sphondylium, utilizzato in omeopatia) dalle profonde radici a fittone che cresce su tappeti di girardina (Aegopodium podagraria, commestibile e officinale). Qua e là la gramigna comune (Elymus repens), la coda cavallina e il convolvolo (Calystegia) fanno da corona ad una moltitudine di altre piante colonizzatrici la cui presenza pare essere sempre poco gradita.
    L'amore o l'avversione verso le spontanee, soprattutto per le ultime nominate, è davvero molto soggettivo (e chissà che a qualcuno venga in mente di pubblicare un libro che potrebbe essere intitolato "erbaccia mia dimmi chi sono"). Ad esempio, io e la gramigna conviviamo pacificamente, ovvero io le lascio i suoi spazi giacché la considero un'ottima pacciamante e lei non mi invade l'orto; per diverso tempo, invece, per quanto bellissimi siano i suoi fiori, ero ossessionata dal convolvolo... era ovunque! Lo è ancora, ma il mio rapporto con questa pianta è cambiato, pensa un po', in seguito alla lettura di una fiaba dei Fratelli Grimm:
    L'immagine che mi porto e una spiegazione della fiaba puoi trovarla QUI.
    Sebbene il racconto sia stato apparentemente coperto dalla patina cristiana, è ancora possibile, e con poca difficoltà, intuire come fosse narrato in principio. Si potrebbe infatti pensare che il viaggio del carrettiere per il sentiero corrisponda al cammino di consapevolezza profonda che si svolge nelle vie interiori, il quale è costellato di ostacoli e prove difficoltose da superare, proprio come lo è un mucchio di fango che blocca il proprio carro e impedisce di proseguire. La Madonna doveva essere originariamente una Fata, simile a quelle che spesso compaiono nelle fiabe per offrire o rifiutare il loro aiuto, ovvero per donare o negare la loro preziosa Fortuna, a seconda del comportamento che rivolgono nei loro confronti coloro che esse decidono di incontrare. E dato che il carrettiere è un uomo d’animo buono e gentile, ed è felice di dare alla Fata ciò che lei chiede, ella gli concede il suo favore e come per magia gli libera la strada. In tal modo l’uomo supera l’ostacolo che lo aveva bloccato e può riprendere il suo viaggio. La fiaba potrebbe inoltre suggerire che alcuni impedimenti che si trovano lungo la via non possono sempre essere affrontati e superati solo con le proprie umane forze, ma talvolta necessitano del magico intervento di un’entità divina – forse richiamata e attirata da modi d’essere armoniosi e gentili – che giunge per indicare la via e per aiutare a percorrerla, o a procedere oltre certi limiti che altrimenti sarebbero invalicabili. Tornando al convolvolo, come ricorda l'antica tradizione fiabesca, il suo fiore è la tazzina delle fate, piccina e delicata, da cui le creature dei boschi e dei prati fioriti bevono acqua sorgiva e dolce rugiada… e forse imitare le fate e provare a bere dal convolvolo una goccina di rugiada donata dal fresco mattino, nella quale si sia specchiato il sole facendola brillare e facendo sembrare il candido calice ripieno di liquida luce, potrebbe avere il senso di bere la luce stessa, dissetandosi, custodendola dentro, e colmandosi del suo tepore luminoso.


    NOTA: sp. indica varie specie o nessuna in particolare.


    immagini tratte dal libro Che Fiore è Questo? uno dei molteplici testi della mia libreria 
    per riconoscere le spontanee, eccone altri suggeriti e se ne hai qualcuno da indicare anche tu 
    lascia un commento a questo articolo. grazie!
    Scoprire, Riconoscere, Usare le Erbe
    Autori Vari
    Scoprire, Riconoscere, 
    Usare le Erbe
    Fabbri Editori
    Il Grande Libro Orto, Frutteto, Giardino
    Adriano del Fabbro
    Orto, Frutteto, Giardino
    Giunti Demetra
    Riconoscere e Cucinare le Buone Erbe
    Adolfo Rosati
    Riconoscere e Cucinare le Buone Erbe
    L'informatore Agrario
    Riconoscere e Cucinare le Buone Erbe - Vol.2
    Adolfo Rosati 
    Riconoscere e Cucinare
    le Buone Erbe - Vol.2 
    L'informatore Agrario
    Erbe Spontanee in Tavola
    A. Malerba, C. Leni
    Erbe Spontanee
    in Tavola 
    Sonda Edizioni
    La Mia Cucina con le Piante SelvaticheMeret Bissegger
    La Mia Cucina con le Piante Selvatiche
    Belle e Selvatiche Patrizia Cecconi
    Belle e Selvatiche
    Chimenti
    La Botanica del Desiderio Michael Pollan
    La Botanica del Desiderio
    Il Saggiatore
    Che Cosa Raccontano le Erbe Infestanti
    Ehrenfried E. Pfeiffer
    Che Cosa Raccontano
    le Erbe Infestanti
    Antroposofica Ed.
    Elogio delle Erbacce
    Richard Mabey
    Elogio delle Erbacce
    Ponte alle Grazie
  • 0 commenti: