Mi viene in mente il termine 'responsabilità'. Dobbiamo essere indipendenti 
nel cercare il Vero e, una volta trovato, dobbiamo rispondere ad Esso.

Caro lettore o cara lettrice, nell'ultima newsletter ti abbiamo informato che il 13 dicembre sarebbe entrato in vigore il regolamento UE n.1169/2011 che, in breve, eliminando l’indicazione dello stabilimento di produzione dalle etichette non ci avrebbe permesso di sapere chi è il produttore. Ti abbiamo invitato a firmare una petizione, e per quanto importante, noi ci tenevamo davvero a stimolare una qualche reazione, magari facendo emergere delle domande. Non siamo certo detentori di risposte, ma come diceva il grande George Carlin Question everything! ovvero domandati su ogni cosa.

Una reazione potrebbe essere: "Ah, non sapevo fosse indicato il produttore!" e prendere il primo barattolo o la prima confezione sotto mano e leggere, forse per la prima volta, un'etichetta alimentare! Inutile negarlo, per quanta informazione gira (e il nostro ringraziamento va in particolare agli amici di Io leggo l'etichetta) sono ancora pochi coloro che effettivamente leggono e comprendono tutti gli ingredienti, e per quanto questo provvedimento sembri voler agevolare la lettura al momento sta generando solo molta confusione. E non solo.

Feriti i consumatori, traditi gli europeisti, amareggiate le aziende italiane... come festeggiare il Natale con questo clima? Su internet leggo di complotti delle multinazionali (suggerisco comunque l'articolo "I Padroni del Cibo", uscito su La Repubblica il 19 dicembre) di persone comuni che urlano "boicottiamo!" e altre, forse con rabbia o forse con tristezza, "è tutta una truffa". Allora che fare, boicottare o arrenderci? Personalmente vedo un'altra possibile risposta, ma implica qualcosa in un certo senso più difficile delle azioni già proposte, ovvero: la responsabilità individuale.

Negli ultimi anni il numero dei gas (gruppo di acquisto solidali), dei negozi che vendono sfuso, dei più o meno giovani che si dedicano all'agricoltura, ecc., è aumentato notevolmente. Ora è il momento che anche tu faccia un passo: staccarti (piano piano eh!) dalla comodità del supermercato sotto casa, dal riempire il carrello della spesa con i soliti prodotti, le solite marche, le solite confezioni. E poi? E poi essere proattivo e, perché no, anche creativo!

Nelle grandi città ci sono mercatini di produttori locali che se anche non certificati bio magari ti invitano in azienda a conoscere animali e piante! Nelle città più piccole o nei paesi è più facile conoscere direttamente contadini, agricoltori e allevatori. Ovunque tu sia puoi aderire ad un gruppo di acquisto (retegas o retecosol) oppure organizzare uno. Genitori e insegnanti possono crearne uno per la scuola (in quella dove opero questo già avviene - link). Moltissimi, come abbiamo detto, sono i negozi che vendono sfuso, sostenendo piccoli e medi produttori italiani. Già l'anno scorso abbiamo raccolto gli indirizzi in una lista (clicca See More sotto l'immagine qui accanto) che ci piacerebbe continuare ad arricchire, perciò se sei a conoscenza di un negozio sfuso segnalacelo commentando questo articolo o il post su facebook.

Concludo con una nota personale. Leggo le etichette da dieci anni, inizialmente seguivo la regola "quello che non conosci non te lo mangiare", insomma solo la parola additivo a 20 anni mi lasciava perplessa, così ho finito per andare al supermercato con il libro "Cosa c'è Davvero nel Tuo Carrello?", ed poi... mi sono trasferita in campagna. Oltre al mio ricco giardino di erbe spontanee e ad un piccolo orto, ho conosciuto aziende, produttori locali e contadini, donne e uomini che fanno marmellate, biscotti, saponi e molto altro, e mi sono inserita all'interno di una rete G.A.S. della zona. Proprio questa mattina sono arrivate le arance dalla Sicilia!
Abbiamo tutti stili di vita diversi, impegni e responsabilità già numerose, ma agire risvegliando la coscienza, oltre a rafforzarci nella salute - fisica e spirituale - ci dona anche il sorriso, la gioia e l'allegria di essere parte della soluzione!

Grazie per aver letto e per essere qui,
ti auguro una splendente nascita!
Emanuela, per Mani nella Terra

le buonissime marmellate di Assorto, con i prodotti dei loro alberi,
non solo amici, anche una delle mie soluzioni!

Per approfondire:
- articolo sull'Espresso
- le aziende italiane e marchi della grande distribuzione che hanno aderito alla petizione di Io Leggo l'Etichetta impegnandosi a mantenere l’indicazione dello stabilimento di produzione
- ebook gratuito "L’Etichetta" prende forma, al via il regolamento (UE) n. 1169/2011. il fatto alimentare
- quali sanzioni per chi non rispetta il regolamento? da il fatto alimentare
- come sarà il nuovo D.lgs 109/92 "Disposizioni nazionali in materia di etichettatura degli alimenti" dopo l’entrata in vigore del regolamento 1169/2011. il fatto alimentare
- archivio articoli sui GAS, dal sito comune-info.net

leggi tutto...

Nel tempo del Natale che si sta allungando sempre di più (le luminarie sono installate già da novembre!) i nostri bambini rischiano di soffrire per le malattie connesse alle scadenti e stravaganti “concessioni” al modello consumistico che caratterizzano questo periodo. Mi riferisco certamente all’assunzione esasperata di cibi scadenti ma anche a cattive abitudini che le festività portano con sé, come la perdita del ritmo del sonno, o le giornate passate davanti al computer a sperimentare i nuovi videogiochi, veri e propri elettroshock elettronici. Abitudini che hanno conseguenze ancora più deleterie grazie all’alimentazione cui sono sottoposti i nostri figli in questo periodo dell’anno che rende il loro sistema nervoso più debole a causa dell’alto consumo di alimenti ad elevato contenuto di grassi ancor più ristagnanti per la sedentarietà.
Noi genitori, d’altra parte, non siamo da meno e in questo periodo soffriamo spesso di colpi della strega (lombalgia acuta) che è una sorta di “indigestione” degli adulti che accumulano eccessi metabolici nelle strutture muscolari/articolari, come i signorotti medioevali con la gotta per gli stravizi della vita di castello. Vorrei proporre una riflessione su come trovare argomenti per “resistere” ad un modello di vita che non ci fa progredire, ma porta indietro la qualità della vita di tutti noi.

Combattere il modello per progredire 
Ogni uomo riceve il proprio corpo dai genitori, in senso lato dagli antenati. Possiamo definire il corpo ereditario un “modello”. In quest’aspetto ogni uomo è determinato geneticamente. Possiamo sostenere che le leggi dell’ereditarietà sono profondamente valide per i primi sette anni. In seguito avviene una trasformazione dei diversi processi della natura umana: alcuni restano subordinati alle leggi ereditarie, altri si liberano a seguito dell’individualizzazione: il manifestarsi dell’individuo che prende possesso del corpo in modo personale. Noi genitori non desideriamo che i nostri figli diventino copie identiche di noi stessi: nonostante ogni possibile vanità, essere genitore significa desiderare il bene dei nostri figli, ovvero che possano realizzare le proprie qualità profonde, e ambiamo che questi primi fondamentali sette anni siano degni e ricchi di verità.
Nei primi sette anni di vita il corpo del bambino compirà una trasformazione della sostanza: la materia ricevuta dai genitori verrà sostituita e il cambio dei denti da latte con i permanenti mostra che l’ultimo residuo di essa, il più duro, verrà abbandonato. Nella nostra epoca di crescente individualizzazione può essere considerato un fenomeno interessante, sul quale riflettere, il fatto che la conformazione della dentizione sia così straordinariamente individuale da creare un nuovo campo professionale: l’ortodonzia. Nella stupefacente irregolarità delle dentizioni moderne si rispecchiano appunto lo sforzo verso l’individualizzazione e la ribellione contro le leggi dell’ereditarietà cui la possente stimolazione dello stile di vita moderno tende a incatenarci: stesse cose per tutti, dall’alimentazione, allo svago, all’abbigliamento. Un segnale inequivocabile della debolezza dello stile di vita materialista/consumista è stato osservato nel secolo scorso da un grande dentista, Weston Price (in Nutrition and Physical Degeneration. A Comparison of Primitive and Modern Diets and their Effects. Medical Book Department of Harper & Brothers New York London 1939) che ha osservato come i popoli che emigrano passando dal terzo mondo a quello industriale, nutrendosi in modo scadente, sviluppano rapidamente malformazioni delle articolazioni dentarie, carie e alterazioni scheletriche della colonna, delle articolazioni, delle anche e del piede.

Opporsi alla standardizzazione
Possiamo dedurre dalla posizione dei denti il contrasto tra gli stimoli esterni ad essere “tutti uguali e precoci” (stessi giochi, stessa alimentazione, stesso modello educativo per tutti) e la resistenza individuale di quel bambino. I denti di molti bambini oggi sono storti perchè sono un segnale chiaro che quell’individuo esprime contro l’omologazione imposta dall’esterno. Non sono contrario all’ortodonzia ma è evidente che il compito che ci viene richiesto è di tipo pedagogico. Dobbiamo scegliere lo stile di vita corretto o continuare a praticare infinite cure, per riportare in equilibrio quest’organismo che lotta contro l’omologazione e la standardizzazione, provocata dallo stile di vita moderno?
Una società che crea alimenti identici ed “eterni”, cioè che si conservano a lungo inevitabilmente combatte il grande lavoro di superamento del modello ereditario e vuole creare organismi identici ovvero con gli stessi problemi. Per fare un esempio pedagogico e non solo nutrizionale vorrei far notare come la decisione di iniziare la scuola elementare sia burocraticoanagrafica e non tenga alcun conto dello sviluppo di quel singolo bambino.
Scegliendo solo in base a dati astratti non andiamo incontro alle esigenze profonde di quel bambino. Magari ha bisogno ancora di tempo e quest’attesa potrebbe essere importante: non è detto quindi che tutti i bambini debbano cominciare la scuola elementare a sei anni (se non prima!). Si pensi alla saggezza di una valutazione personalizzata che guarda non solo allo sviluppo intellettuale, ma osserva la crescita delle braccia (gli organi dell’agire, cioè del volere) in rapporto alla testa (organo dell’attività intellettuale), la capacità di controllare e muovere gli arti inferiori in modo rettilineo e preciso, che non ha nulla a che vedere con l’agilità, e naturalmente l’eruzione dei denti definitivi, segni di maturazione del sistema nervoso.

La “resistenza” del bambino 
La moderna neuropsichiatria infantile usa parametri simili ma la medicina non la ascolta. Così la moderna immunologia sostiene, a ragione, che la febbre è un immunostimolante e immunomodulante ma questo non giunge nelle orecchie delle famiglie e spesso nemmeno dei loro pediatri e si continua a combattere la febbre come un nemico e non come un alleato. Possiamo dire che la scolarizzazione precoce indebolisce la componente volitiva del bambino e, se non ci saranno recuperi temporali successivi, sorgeranno difficoltà sul piano relazionale e sarà difficile da adulti vivere la socialità. E così il sistema scolastico assomiglia drammaticamente al cibo industriale e standardizzato, che impedisce al metabolismo di quel bambino di elaborare a fondo, in modo individuale, la sostanza alimentare.
La grandezza dell’umano si esprime nella resistenza, nell’ostinata resistenza. Così il bambino si oppone alla pressione sclerotizzante e obesizzante dell’alimentazione iperproteica e dei grassi saturi, dalle merendine ai cibi pronti, sviluppando malattie catarrali in qualunque mucosa: dalla gola alle orecchie, dalla vulva alla vescica. Cercando di sciogliere e portar fuori con il catarro tutta questa vita estranea, introdotta con l’eccesso di proteine e grassi trans, dovuta alla somministrazione di un modello alimentare estraneo, troppo possente.

La paura di essere “diversi”
Quanti danni provoca questa ossessione di far evitare “traumi” ai nostri figli, questo dogma di non ferire la loro autostima che, in realtà, è una mancanza dannosa di fiducia nei loro confronti: “Non potrà resistere senza mangiare le merendine come gli altri, senza la tivù, senza i video giochi, senza un po’ di schifezze”. Come potrà un bambino credere nel futuro se il futuro è inghiottito dalle nostre incertezze, dalla tragedia del nichilismo che tanto ci spaventa nei nostri adolescenti (si veda l’interessante libro di Umberto Galimberti “L’ospite inquietante”) originata dal nostro permissivismo umiliante che ci impedisce di credere che possano farcela senza, da soli, come loro sognerebbero.
Se stimiamo così poco nostro figlio e pensiamo non possa reggere al rifiuto di un torroncino o di una barretta di cioccolato o di una playstation, che futuro sogneremo per lui?
La festa del Bimbo Divino che scende sulla terra e nasce in una stalla, non può essere onorata degnamente con una totale sottomissione al consumismo e al meccanicismo.





i libri di di Sergio Maria Francardo puoi trovarli QUI, di seguito altri testi consigliati
Acquistando su macrolibrarsi e su ilgiardinodeilibri la spedizione è gratuita sopra i 29 euro 
ed inoltre con il tuo ordine puoi sostenere Mani nella Terra! 
Elimina i cookies e ordina cliccando dal nostro sito, per ulteriori indicazioni leggi QUI. Grazie
Denti & Salute

Michel Montaud
Denti e Salute
Aam Terra Nuova
Cosa dicono i nostri Denti - Libro
Michel Montaud
Cosa dicono 
i nostri Denti
Aam Terra Nuova
Perchè i Figli della Playstation hanno i denti storti
Renzo Ovidi
Perchè i Figli 
della Playstation
hanno i denti storti
Aam Terra Nuova
Nascere nell'Era della Plastica - Libro
Michel Odent
Nascere nell'Era
della Plastica
Aam Terra Nuova
Il Sano Sviluppo dell'Essere Umano - Vol. II
Rudolf Steiner
Il Sano Sviluppo
dell'Essere Umano
Vol. II
Antroposofica Ed.
Le Radici Familiari della Malattia Vol.1Gérard Athias
Le Radici Familiari
della Malattia Vol.1
Venexia Edizioni
Le Radici Familiari della Malattia Vol.2Gérard Athias
Le Radici Familiari
della Malattia Vol.2
Venexia Edizioni
Le Radici Familiari della Malattia Vol.3Gérard Athias
Le Radici Familiari
della Malattia Vol.3
Venexia Edizioni
Malattia e destino
Thorwald Dethlefsen
Malattia e destino
Edizioni
Mediterranee
Allenare le DifeseFrancesco Bottaccioli
Allenare le Difese
Tecniche Nuove
Edizioni
leggi tutto...