quanto riportiamo sono degli estratti dal libro La Fattoria Biologica, di Masanobu Fukuoka

La Fattoria Biologica
Voto medio su 8 recensioni: Da non perdere
La gente non vive più sulla nuda terra. Le loro mani non raccolgono più fiori ed erbe, i loro occhi non si alzano più per ammirare la bellezza del cielo, le loro orecchie sono sorde al canto degli uccelli, l'olfatto è reso insensibile dai gas di scarico e il sendo del gusto ha perso il piacere dei semplici saporti della natura. Tutti e cinque i sensi sono stati alienati dalla natura. Le persone sono lontane dalla vera umanità [...] Il progresso [...] ha provocato una confusione materiale e una distruzione spirituale. [...] L'obiettivo della mia filosofia della "non-azione" è quella del ritorno ai villaggi del vero uomo, dove la gente possa tornare alla forma originale della natura e gustare le gioie genuine. Io definisco il programma per raggiungere tutto questo semplicemente come "Agricoltura per tutti".



Creare il vero uomo
La cultura e l'agricoltura false e materialistiche iniziano e finiscono "agendo". Ma il modo di vivere del vero uomo inizia e termina "non agendo".
La strada del vero uomo è una strada interiore. Non può essere seguita con dei progressi verso l'esterno. Noi possiamo disseppellire il prezioso nocciolo della verità nascosto in ciascuno di noi cominciando ad eliminare le illusioni in cui veniamo attirati.
Il sentiero della natura della "non-azione", dove tutto quello che uno deve fare è di immergersi nel seno della natura, è la strada che l'uomo vero deve percorrere. La via più breve per raggiungere lo stato di vero uomo è un'esistenza libera, una dieta semplice e la preghiera alla terra sotto di noi e al cielo sopra di noi.
La vera felicità diventa raggiungibile solo seguendo la straordinaria via del contadino che non si cura della direzione e dell'età. Lo sviluppo e la resurrezione spirituali non sono realizzabili se non si percorre questa strada di umanità.
In un certo senso, l'agricoltura è il più semplice, e allo stesso tempo il più grande lavoro dell'uomo. Non c'è altro che possa fare e niente altro che avrebbe dovuto fare.
La vera delizia dell'uomo era l'estasi naturale. Questa esiste solo nella natura e scompare dalla terra. Un ambiente umano non può esistere staccato dalla natura, perciò l'agricoltura deve essere il fondamento dell'esistenza. Il ritorno di tutti alla campagna per coltivare e creare villaggi di uomini veri è la strada per la creazione di città, società e stati ideali.
La terra non è semplice terreno, così come il cielo non è uno spazio vuoto. La terra è il giardino di Dio e il cielo il Suo trono. Il contadino che, mangiando il grano raccolto nel giardino del Signore, alza il suo volto al cielo con gratitudine, vive la migliore e la più perfetta delle vite possibili.
La mia visione di un mondo di contadini si basa sulla responsabilità di tutta la gente di tornare al giardino di Dio per coltivarlo e sul diritto di guardare i cieli azzurri ed essere benedetti dai doni divini. Si tratta perciò di ben altro che un semplice ritorno alla società primitiva. Verrebbero a crearsi un modo di vivere in cui ciascuno riafferma costantemente la fonte di vita (essendo la "vita" un'altro nome per chiamare Dio). L'uomo deve pertanto allontanarsi da un mondo di espansione e di estinzione per porre la sua fede nella concentrazione e nel rinnovamento.
Questa società di contadini può ovviamente assumere la forma di una comunità agricola, ma essa deve mirare a una coltivazione naturale che trascenda il tempo e cerchi le vere sorgenti dell'agricoltura.

Il ritorno all'agricoltura
Ultimamente, ispirata da individui coscienti del pericolo di venire inglobati da una civiltà urbanizzata, la gente delle grandi metropoli, tagliate fuori dal mondo naturale, ha avvertito un crescente bisogno di tornare alla natura cercando una strada che riporti verso l'agricoltura. Che cosa allora la tiene lontana dalla realizzazione dei propri sogni, se non se stessa, la terra e la legge? La gente ama davvero la natura? Il suo intento è davvero quello di tornare alla terra e ivi costruirvi una società dove si possa vivere in pace e serenità? In un certo senso a me non sembra proprio.
Anche quando penso che le speranze e le convinzioni di queste persone sono assolutamente giuste, non posso fare a meno di avvertire un senso di futilità e di distanza dal fondo. È una sensazione molto simile a quando si raccoglie la lemma che galleggia sulla superficie di uno stagno e la si vede scivolare tra le dita. Sembra come non esservi alcun legame tra le persone, tra l'uomo e la natura, tra il basso e l'alto, tra la destra e la sinistra.
Sebbene si trovino di fronte alla stessa natura, il giovane di città considera il mondo naturale niente di più che una visione o un sogno, mentre il giovane di campagna lavora non la terra, ma il terreno. Tra il produttore e il consumatore, entrambi preoccupati per gli stessi problemi, che potrebbero affrontare insieme in un unico sforzo, si intromette una schiera infinita di organizzazioni, mercanti e politici. Esistono solo delle connessioni superficiali tra di essi, ma si possono facilmente scorgere i divari interni, lo stato misero in cui si trovano coloro che condividono un lavoro comune, ma hanno sogni differenti, l'intolleranza di coloro che nuotano nelle stesse onde e non capiscono che bevono la stessa acqua.
Il consumatore che denuncia il crescente inquinamento dei cibi, ha piantato egli stesso i semi dell'inquinamento. Non ritiene affatto strano che la scienza dell'agricoltura sia fiorente e i contadini in declino. I politici che si lamentano del corso che la moderna agricoltura ha intrapreso si rallegrano per la riduzione del numero di contadini. Le stesse corporazioni che hanno avuto origine da una base agricola hanno portato i contadini alla rovina.
I contadini stessi hanno distrutto la terra mentre invocavano la sua protezione. La gente combatte contro la distruzione della natura, eppure perdonano questa distruzione in nome del progresso. Si fanno compromessi in nome dell'armonia e si prepara una nuova violenza selvaggia.
La causa principale della discordia e delle contraddizioni presenti nella società umana è il fatto che ciascuno agisce indipendentemente e nel proprio interesse senza avere un'idea chiara delle cose. Tutti affermano di amare la natura, ma ognuno preme per il proprio interesse senza la benché minima preoccupazione o incertezza.
La mancanza di coerenza in questo mondo e la massiccia diffusione di campagne scollegate tra di loro attesta un fatto: ciò che veramente ciascuno ama non è la natura, ma se stesso. Il pittore che ritrae le montagne e i fiumi sembra che mai la natura, ma in realtà ama solo il dipingere la natura. L'agricoltore che lavora la terra ama solo il pensiero di se stesso immerso nel lavoro dei campi. L'agronomo e l'amministratore agricolo credono di amare la natura, ma il primo ama solo studiare la natura mentre l'altro si diletta nel giudicare il lavoro dei contadini. L'uomo non scorge che una minima parte della natura. Egli crede che ciò che comprende sia la vera essenza; egli crede solamente di amare la natura.
Alcuni trapiantano gli alberi di una montagna nel loro giardino credendo di testimoniare così il loro amore per la natura, mentre altri trapiantano alberi sulle montagne. Alcuni dicono che è più semplice andare direttamente in montagna piuttosto che piantare alberi o chiedono la costruzione di strade che facilitino l'accesso ai monti mentre altri insistono sul fatto che sia meglio andare a piedi in montagna invece che in auto. Tutti desiderano amare la natura, ma con mezzi diversi, così essi credono che l'unica soluzione sia di fare progressi cercando in qualche modo di conservare l'armonia. Tuttavia, poiché la loro percezione e comprensione della natura sono superficiali, questi metodi per apprezzare la natura sono tutti in contraddizione l'uno con l'altro. Se ogni individuo riuscisse a penetrare nel vero cuore della natura e capisse veramente la sua essenza, allora non vi sarebbe alcuna divergenza di opinioni.
Non c'è bisogno di alcun "metodo" per amare la natura. L'unica strada che conduce alla natura è la "non-azione", l'unico metodo, non avere nessun metodo. Non si deve fare assolutamente nulla. Una volta messo in chiaro questo, l'obiettivo diventa estremamente facile da raggiungere.
Per questo metto in dubbio il modo di ragionare di coloro che professano un ritorno alla natura. Davvero intendono tornare all'agricoltura? Veramente essi amano la natura? Se l'amore per la natura è sincero e si desidera tornare all'agricoltura, la strada è aperta. Ma se l'amore per la natura è superficiale e si desidera sfruttare l'agricoltura per i propri interessi, la strada sarà irta di difficoltà e il ritorno alla natura pressoché impossibile.
Il primo ostacolo che impedisce il ritorno alla terra è la gente; il problema giace in noi stessi.



RITORNA ALLA TERRA!
Partecipa ai corsi 2015 di agricoltura naturale (realizzazione di un orto), autocostruzione (realizzazione di una cucina esterna in terra cruda), progettazione in permacultura (modulo 72h+20).

Trovi tutte le info sul modulo di prenotazione
www.maninellaterra.org/p/mani-che-si-uniscono.html

Bibliografia di base
(bibliografia permacultura completa QUI)
acquistando su Macrolibrarsi sostieni Mani nella Terra, scopri di più
www.maninellaterra.org/p/sostienici-acquistando-su.html
La Rivoluzione del Filo di Paglia
Masanobu Fukuoka
La Rivoluzione 
del Filo di Paglia
Da non perdere
Il Mio Orto Biologico
E, AccorsiF. Beldì
Il Mio Orto Biologico

Voto medio su 4 recensioni: Buono
Il Suolo - Un Patrimonio da Salvare
C. e L. Bourguignon
Il Suolo - Patrimonio
da Salvare
Voto medio su 4 recensioni: Buono
Permacultura per Tutti - Libro
Patrick Whitefield
Permacultura 
per Tutti
Buono
L'Acqua Pura e Semplice
Paolo Consigli
L'Acqua 
Pura e Semplice
Da non perdere
leggi tutto...

In occasione della giornata mondiale dell'acqua presentiamo
"Nonna Grillo": un breve ma emozionante cartone animato
sui popoli e il loro diritto all'acqua Bene di tutti e pubblica.

Questo toccante lavoro creativo è il risultato di una iniziativa di scambio culturale avvenuta tra la Bolivia e la Danimarca, realizzata nel 2009 grazie alla collaborazione di artisti di cinema di animazione boliviani assieme al dipartimento di formazione pedagogica danese The Animation Workshop, la più importante scuola di animazione Danese nonché una delle più prestigiose in Europa, con il sostegno della Comunidad de Animadores Bolivianos e la Reale Ambasciata di Danimarca. Otto animatori boliviani hanno ricevuto una borsa di studio per apprendere l'antica arte del fumetto e nel contempo applicarsi nella realizzazione del film di animazione. 
Gli artisti coinvolti in un tale progetto sono: Alejandro Salazar, Susana Villegas, Cecilia Delgado, Joaquín Cuevas, Miguel Mealla, Nina Romano, Maurizio Salvador Pomar e Sejas. 
Tutto questo lavoro artistico è stato realizzato sotto la direzione dell'importante maestro animatore francese Denis Chapon.

Abuela Grillo è un adattamento di un mito Ayoreo che affronta una questione fondamentale nel mondo contemporaneo: la lotta dei popoli contro la mercificazione dell'acqua. 
La celebre cantante, ora ambasciatrice della Bolivia in Francia, Luzmila Carpio, dona la sua voce e il suo canto alla protagonista.

Questo cortometraggio rappresenta un encomiabile e portentoso pietra miliare tra i capolavori dell'arte del cinema di animazine boliviano, ed è il primo prodigioso frutto di un progetto su larga scala che include l'implementazione futura di diverse produzioni del cinema di animazione e della formazione di artisti boliviani in vari campi di questo importantissima arte creativa.



Il corto è stato presentato e riproposto in vari momenti nella Conferenza Mondiale dei Popolo sui Cambiamenti Climatici e i Diritti della Madre Terra che si è tenuta dal 19 al 22 aprile 2010 a Tiquipaya, Cochabamba città simbolo per la lotta di tutti i popoli e i cittadini che lottano per confermare il diritto inalinabile dell'acqua bene comune.




Per ulteriori informazioni:
Comunità Animatori Boliviani su facebook
processo di Nonna Grillo: http://abuegrillo.blogspot.com
 - in spagnolo.
The Animation Workshop: http://www.animwork.dk/en/ - in inglese.
leggi tutto...


"Colui che pianta un albero è un servo di Dio"
selvicultura, Nigeria 1920
"Mi viene in mente il termine 'responsabilità'. Dobbiamo essere indipendenti nel cercare il Vero e, una volta trovato, dobbiamo rispondere ad Esso. Che gioia aver visto in qualcuno la costanza ad agire secondo il Vero, per tutta la durata della sua vita. Questo è l'esempio che ci ha trasmetto Richard St. Barbe Baker"

È così che i suoi amici ne parlano. Ma chi era quest'uomo? Nato il 9 ottobre 1889, alla sola età di 5 anni si avventurò in un bosco di felci e pini; quando crebbe descrisse così l'esperienza: "mi sembrava di essere entrato nel regno dei miei sogni... ero nel tempio del bosco. caddi a terra in uno stato di estasi, era tutto intensamente vivido… l'infinita bellezza mi travolse e mi permase... il mio cuore era colmo di un indicibile senso di riconoscenza che mi ha accompagnato per tutti gli anni a venire..."
con il suo libro nel 1985

Negli anni a venire Richard St.Barbe Baker piantò alberi, divenne l'uomo degli alberi.


La sua storia è disponibile su www.manofthetrees.org
- altri siti di riferimento:
http://en.wikipedia.org/wiki/Richard_St._Barbe_Baker
http://www.internationaltreefoundation.org/
http://www.menofthetrees.com.au/
http://www.fao.org/docrep/91150e/91150e02.htm

leggi anche Il bambino degli alberi
un altro articolo interessante con
tanti link e film a disposizione!


Proponiamo anche un video, una parabola sul rapporto uomo-natura, una storia esemplare che racconta "come gli uomini potrebbero essere altrettanto efficaci di Dio in altri campi oltre la distruzione". Film d'animazione di Frédérick Back tratto dal romanzo di Jean Giono. Vincitore del premio Oscar per il miglior cortometraggio d'animazione nel 1988.

Durante una delle sue passeggiate in Provenza, Jean Giono incontrò una personalità indimenticabile: un pastore solitario e tranquillo, di poche parole, che provava piacere a vivere lentamente, con le pecore e il cane. Nonostante la sua semplicità e la totale solitudine nella quale viveva, quest'uomo stava compiendo una grande azione, un'impresa che avrebbe cambiato la faccia della sua terra e la vita delle generazioni future.

"Quando penso che un uomo solo, ridotto alle proprie semplici risorse fisiche e morali, è bastato a far uscire dal deserto quel paese di Canaan, trovo che, malgrado tutto, la condizione umana sia ammirevole."



letture varie e interessanti sugli alberi (e non solo).
l'articolo potrà essere aggiornato, passa ogni tanto a controllare!
acquistando su Macrolibrarsi ed inserendo il codice partner 3173
potrai inoltre sostenere Mani nella Terra, scopri di più
www.maninellaterra.org/p/sostienici-acquistando-su.html
La Rivoluzione di Dio, della Natura e dell'Uomo
Masanobu Fukuoka
La Rivoluzione di Dio, della Natura e dell'Uomo
Voto medio su 9 recensioni: Da non perdere
Ho Piantato 500.000 Alberi
Ossola, Calvo
Ho Piantato 500.000 Alberi
Buono
L'uomo che Piantava gli Alberi + DVD
Jean Giono
L'uomo che Piantava gli Alberi + DVD
Voto medio su 1 recensioni: Da non perdere
L'Uomo che Piantava gli Alberi
Jean Giono
L'Uomo che Piantava gli Alberi - Libro Pop Up
Voto medio su 1 recensioni: Da non perdere
L'uomo che Piantava gli Alberi
Jean Giono
L'uomo che Piantava gli Alberi
Voto medio su 1 recensioni: Da non perdere

Il Suolo - Un Patrimonio da Salvare
Claude e Lydia Bourguignon
Il Suolo 
Un Patrimonio da Salvare
Buono
Manifesto per la Terra e per l'uomo
Pierre Rabhi
Manifesto per la Terra e per l'uomo
Buono
Il Canto degli Alberi
Maria Cornelia Giordani
Il Canto degli Alberi

Voto medio su 5 recensioni: Da non perdere
Tra la Terra e il Cielo
Nalini M. Nadkarni
Tra la Terra e il Cielo

Buono
Sai che gli alberi parlano?
Recheis, Bydlinski
Sai che gli alberi parlano?
Voto medio su 2 recensioni: Da non perdere
Pensare come le Montagne
ErmaniPignatta
Pensare come le Montagne
Voto medio su 2 recensioni: Da non perdere
Saremo Alberi
Mauro Evangelista
Saremo Alberi

Buono
Nel Cuore della Foresta
Roger Deakin
Nel Cuore della Foresta
Buono
Lo Spirito degli Alberi
F. Hageneder
Lo Spirito degli Alberi
Voto medio su 1 recensioni: Da non perdere
Incontri con lo Spirito degli Alberi - Libro
BoschSatanassi
Incontri con lo Spirito degli Alberi
L'Albero di Nuvola
Enzo Braschi
L'Albero di Nuvola
Voto medio su 3 recensioni: Buono
La Vita Notturna degli Alberi
La Vita Notturna degli Alberi
Voto medio su 1 recensioni: Da non perdere
Le Voci del Bosco
Mauro Corona,
Le Voci del Bosco
Voto medio su 3 recensioni: Buono
Storia di un Albero - Libro
Emilie Vast
Storia di un Albero

Earthing - A Piedi Nudi - Libro
Ober, Sinatra,  Zucker
Earthing
A Piedi Nudi
Voto medio su 13 recensioni: Da non perdere
leggi tutto...