• Sotto il segno dell'Acquario: Salvia e Violetta d'acqua

    Sotto il cielo dell'Acquario le giornate cominciano un po' ad allungarsi. Il sole di febbraio infonde nel Pianeta una sorta di febbre sotterranea. È la "luna del sole tornante": così chiamano questo periodo i nativi dell'America settentrionale.
    Urano, il Signore di questo segno, è un dio aereo, elettrico, scintillante. Trasmette alla Terra un'energia sottile, accende nei semi l'impulso a dispiegare il DNA del loro destino. Nel suo corpo sottile, elettromagnetico, la natura inizia così a prepararsi al grande cambiamento della primavera. La sua psiche invia al soma gli impulsi vitali necessari per adattarsi al nuovo stato.
    Questo fa costantemente la nostra psiche, per preparare nel migliore dei modi l'organismo ai mutamenti dell'ambiente. La zona dell'encefalo deputata a questa comunicazione corpo-mente è quella dell'ippocampo e dell'ipofisi.
    A volte la funzione dell'ipofisi, che è un po' il direttore d'orchestra del nostro sistema endocrino, è difettosa. Allora viene meno l'interezza, l'integrità, la salute del nostro psicosoma.
    Salute viene dal latino "salus", che vuol dire appunto integro, intero, sano. Dalla stessa radice deriva il nome della Salvia, piana aromatica e medicinale che, tra le sue molte virtù, possiede anche quella di andare a sanare le insufficienze dell'ipofisi. Per questa capacità di regolare l'attività endocrina, la Salvia è stata spesso considerata come una panacea, così come in genere le piante cosiddette "adattogene", in grado cioè di influire positivamente sull'omeostasi, ossia sulla capacità dell'organismo di adattarsi nel migliore dei modi alle trasformazioni di un dato ambiente.
    La Salvia è indicata per insufficienze ipofisarie, delle gonadi e del surrene; per la carenza di estrogeni, sindromi della menopausa e premestruali; amenorrea, dismenorrea; neurastenie, stress e debilitazione cronica. Questa pianta ha inoltre effetti benefici su dispepsie, atonie gastrointestinali, insufficienze biliari, colite spastica, riniti, sinusiti, malattie da raffreddamento, infezioni e infiammazioni del cavo orale. Si utilizzano foglie e sommità fiorite come infuso: 15 g in mezzo litro d'acqua, 3 tazze al dì, o la tintura madre: 20-30 gocce in un po' d'acqua, 2-3 volte al dì. Da evitare in gravidanza, durante l'allattamento e in casi di insufficienza renale.

    Paradossalmente, ci dice il dottor Bach, nelle persone in cui invece il collegamento psiche-soma è perfettamente funzionante, può verificarsi un problema legato proprio a questo ideale stato di salute: ci si può sentire talmente sicuri e interi da presumere di non aver bisogno di nessuno, di essere superiori perfino all'ambiente e di poterne ignorare i mutamenti. Si tratta di un altro modo di perdere equilibrio e salute che si può chiamare orgoglio, isolamento superbo, solitudine. Il dottor Bach consiglia in questo caso Water Violet, il suo rimedio tratto dalla Violetta d'acqua (4 gocce di questo rimedio sotto la lingua per almeno 4 volte al dì). Si tratta di una piantina erbacea che in realtà non ha nulla a che fare con le violette ma che, come le sue sorelle primulacee, innalza dritto lo scapo dei suoi fiori aggraziati e luminosi, ad annunciare precocemente la primavera. Come suggerisce il nome, la Violetta d'acqua ama vivere per metà immersa nelle acque vive di ruscelli e stagni sul cui fondo si radica, ma è una piantina particolare, poiché gli piace mollare il suo ormeggio e, seguendo la corrente, trasferirsi altrove. La violetta ricorda quello spirito di indipendenza e di aristocratica superiorità di cui si diceva, ma che non ha sufficiente orgoglio per non condividere con altri la sua eleganza, la sua raffinata bellezza, il suo benessere.

    - Per saperne di più:
    Erbario della Salute
    Voto medio su 2 recensioni: Buono

    Erbario della Salute: una rassegna accurata delle 40 piante più efficaci del nostro clima, che tutti possono raccogliere e utilizzare.
    L'autore, con una lunga pratica in erboristeria, conduce per mano il lettore alla scoperta delle qualità curative ed energetiche di queste nostre preziose "alleate", illustrandone non solo l'impiego terapeutico, ma anche l'utilizzo nella difesa delle piante da appartamento e da orto, e nella cura degli animali domestici.
    Per ogni singola pianta, il libro riporta una scheda dettagliata, corredata da foto e disegni, dove oltre alle indicazioni utili per facilitare il riconoscimento delle singole specie, sono illustrate le modalità e i tempi di raccolta, l'impiego e le varie forme di preparazione: infusi, decotti, tinture madri, oleoliti...


  • 1 commenti:

    Kyriacos Ray ha detto...

    Non c'entra nulla con il contesto del post ma la procedura vuole appunto che si scriva un commento nel blog designato per così informare il blogger della "buona novella".
    Mani Nella Terra, sei stato nominato:
    http://ildiariodelpoeta.blogspot.it/2013/02/premio-liebster-award.html
    :-D