di Roberto Schellino

Nel corso della storia le agricolture a dimensione contadina e familiare, sia che fossero costituite da piccoli proprietari che da affittuari o mezzadri, hanno avuto al proprio interno una struttura collettiva dove uomini, donne, bambini, anziani, persone con disabilità o disagio sociale sono sempre stati parte attiva nei cicli stagionali di vita e di lavoro. Non fosse altro che per necessità di sopravvivenza, tutte le energie disponibili erano integrate nei lavori, dando a ognuno un compito che fosse in grado di svolgere. In queste condizioni di povertà, chi non si occupava dei lavori principali portava avanti quelli più semplici ma comunque utili: dalla spigolatura dei cereali alla sorveglianza degli animali e alla cura dell'orto.

Scomparso quel mondo e trascorsi alcuni decenni in cui l'agricoltura è stata vista solo come produttrice di materie prime, negli ultimi anni si sta invece riscoprendo la molteplicità della dimensione contadina. Quell'informale universo di pratiche e relazioni oggi è riproposto nella moderna figura dell'impresa agricola multifunzionale, dove però ogni singola funzione è ora inquadrata da norme, regolamenti, disciplinari. Ne esistono per lavorare in modo sano la terra, per vendere un litro di latte, per ottenere uno spazio al mercato, per alloggiare turisti o portare studenti nei campi, e anche per accogliere soggetti "deboli".

Prima di tornare agricoltore ho lavorato per anni come educatore di territorio con giovani disabili e mi rendevo conto dell'enrome potenziale emancipativo presente nell'agricoltura di tipo contadino, per le sue mille attività e contesti in grado di trovare uno spazio per chiunque. Da agricoltore, nei mie campi ho svolto attività e lavori con giovani studenti e ragazzi disabili. Non mi appartiene però, e non sono il solo a pensarla così, la necessità di identificarmi in un'agricoltura sociale in forma di impresa, che porta a mettere online le foto di questi ragazzi accanto ai prodotti, ad avere un apposito marchio commerciale e a richiedere per questo motivo un posto riservato al mercato.

Far sì che le istituzioni sostengano alla fonte le esperienze di economia solidale mi pare indispensabile. Fare marketing sociale con le immagini dei ragazzi disabili, che tra l'altro anche nei periodici più virtuosi compaiono solo in questi casi, è parte della dominante logica della società dei consumi. La dimensione solidale è importante che ci sia, ma è bello lasciarla nelle sue relazioni informali dentro le reti auto-regolatrici della comunità locale.


L'AGRICOLTURA È ANCHE COMPARTECIPAZIONE!
Dal 18 al 21 aprile presso Il Casone - Valle dell'Aniene (RM), uniremo i saperi, le competenze e le esperienze di più o meno esperti, tra cui Luciano Furcas!, per realizzare insieme e in allegria un orto in permacultura.

La progettazione in permacultura permette di connettere gli elementi e di avvalersi di tecniche e pratiche prese in prestito da altre discipline.

Un'opportunità di condivisione e partecipazione, nata dall'esperienza unita all'intenzione di Mani nella Terra, degli amici dell'Associazione Culturale Tavola Rotonda e del Movimento per la Decrescita Felice Roma, che riconosce le esigenze del momento e la volontà di apprendere con una modalità che vada oltre l'aspetto teorico e coinvolga i partecipanti, trasmettendo nozioni direttamente sul campo e... dal campo!
Info: www.maninellaterra.org/p/orto-in-permacultura-2013.htmlpermacultura@maninellaterra.org

Altri corsi
- laboratorio pratico di costruzione di un forno in terra cruda
corso certificato di progettazione in Permacultura con Saviana Parodi
Per rimanere aggiornato sugli eventi compila il form qui www.maninellaterra.org/p/eventi.html


Bibliografia di base
(bibliografia permacultura completa QUI)
acquistando su Macrolibrarsi ed inserendo il codice partner 3173
potrai inoltre sostenere Mani nella Terra, scopri di più
www.maninellaterra.org/p/sostienici-acquistando-su.html
La Rivoluzione del Filo di Paglia
Masanobu Fukuoka
La Rivoluzione 
del Filo di Paglia
Da non perdere
Il Mio Orto Biologico
E, AccorsiF. Beldì
Il Mio Orto Biologico

Voto medio su 4 recensioni: Buono
Il Suolo - Un Patrimonio da Salvare
C. e L. Bourguignon
Il Suolo - Patrimonio
da Salvare
Voto medio su 4 recensioni: Buono
Permacultura per Tutti - Libro
Patrick Whitefield
Permacultura 
per Tutti
Buono
L'Acqua Pura e Semplice
Paolo Consigli
L'Acqua 
Pura e Semplice
Da non perdere

Grazie per aver letto il nostro articolo, se ti è piaciuto condividilo!