Mani nella Terra

Where the Sun Shines!

Mani nella Terra

Mani nella Terra è un'intenzione che in questi anni ha preso molte forme. Nasce con la traduzione del documentario "Water, the great mistery" e diviene un blog di informazione. Dal 2012 si fa promotrice di corsi ed incontri sulla permacultura, dunque progettazione, agricoltura, bioedilizia, fitodepurazione, alimentazione, ecc. Nel 2016 si dedica a consolidare le relazioni e nel 2017 mette definitivamente le radici in Sabina, a circa 50km da Roma Nord. Qui inizia il progetto CASA...

Me

Emanuela

"Fare della Terra un Paradiso richiede azione concreta e consapevolezza della nostra responsabilità come custodi." Mani nella Terra, in costante divenire, si manifesta nella persona di Emanuela, che svolge la sua principale attività presso la Libera Scuola Janua, a Roma.
Maestra, dunque, e amante della Natura, vive attualmente con quattro coccolosissimi cani e un gatto: Seiver, Tao, Betty Bim Bam, Mellow, Kyto.

  • emanuela@maninellaterra.org

"Per la Scienza iniziatica, la luce è uno spirito vivo, cosciente, attivo. Direte che l’irradiamento solare non è uno spirito, ma un fenomeno materiale che i fisici hanno studiato molto attentamente. Sì, ma la luce del sole non è che la manifestazione sul piano fisico dello Spirito cosmico tramite il quale l’Universo è stato creato. L’Universo è una creazione della Luce. La Luce è uno spirito, è lo Spirito di Dio stesso. Essa ha creato e alimenta la vita, la vita fisica come la vita spirituale. Più gli esseri umani ricevono e assorbono la luce, più la loro anima e il loro spirito si manifestano come intelligenza, amore, potenza. Per questo si utilizza la parola "luce" dandole una dimensione spirituale. Quando di qualcuno si dice che ha la luce, significa che lo spirito si manifesta in lui."
Omraam Mikhaël Aïvanhov

PRODUZIONI CASALINGHE

Emanuela si prodiga tutto l'anno alla trasformazione dei prodotti. È ormai specializzata nella produzione delle composte, del kombucha e del pane, realizzato con pasta madre (di farro o segale). Tramite la rete, è possibile rimediare golosità senza glutine, conserve, saponi naturali e molto altro!
Consegne a Roma e Monterotondo.

MANGIARE e DORMIRE

Chi desidera trascorrere una giornata in campagna, per godersi l'aria fresca, o visitare le meraviglie del territorio sabino, tra cui la vicina Abbazia di Farfa, può venirci a trovare per una bevanda o un pasto vegano.
E se vi piace godere delle stelle, abbiamo a disposizione una camera con letto alla francese e bagno privato con doccia.

CONDIVIDERE

Siamo felici di condividere la nostra casa. Informaci del tuo progetto e personalizzeremo insieme una proposta adeguata.


Tutto il ricavato viene interamente investito nel progetto. I prossimi passi sono: l'impianto di depurazione, la serra, il solare termico legato alla raccolta dell'acqua piovana.

  • Guarire con il Metodo Gerson - libro e documentario

    Guarire con il Metodo Gerson - libro e documentario

    in un articolo precedente ho brevemente anticipato il metodo Gerson riportando un intervento del nipote del Dott. Max Gerson tratto dalla conferenza alla Cancer Control Society nel 2009. di seguito vi presento invece il libro.

    Guarire con il Metodo Gerson + DVD
    Da non perdere
    Scritto a due mani da Charlotte Gerson e Beata Bishop Guarire con il Metodo Gerson + DVD "Se solo avessimo saputo", è un compendio unico: parla diffusamente e nei dettagli del metodo Gerson ed è stato tradotto in molte lingue.
    La co-autrice Beata Bishop ha circa 85 anni e grazie alla Terapia Gerson, una trentina di anni fa, sopravvisse a un melanoma a diffusione al IV stadio, una patologia letale per cui la prognosi comune va da sei settimane a sei mesi.
    Per informazioni sul metodo Gerson in Italia, si può contattare Margaret Straus (margaret.straus@fastwebnet.it) nipote del dott. Gerson. Ecco una sua intervista esclusiva su come, quando e perché utilizzare la terapia.


    In che cosa consiste la terapia Gerson?
    La terapia nutrizionale/disintossicante del Dottor Max Gerson per la guarigione e prevenzione del cancro e di altre malattie "incurabili" è un approccio di fondo al problema delle malattie croniche. Si tratta di una dieta di succhi di verdure e ricette vegetariane, senza sale e senza grassi animali, integrata con supplementi alimentari, rimedi erboristici e diverse altre attività capaci di restituire energia e salute ai pazienti. Gerson osservò che "ristabilendo il meccanismo risanatore del corpo", cioè correggendo le turbe del metabolismo basale che permettono lo sviluppo delle malattie croniche, tutti i sistemi dell'organismo possono venire riportati al giusto funzionamento. Il corso delle malattie croniche, cancro incluso, può così venire invertito.

    Come agisce la terapia?
    La terapia agisce simultaneamente in tre modi. La prima fase è la disintossicazione. Si realizza somministrando ai pazienti notevoli quantitativi di succhi di frutta e di verdura biologica fresca, uno speciale passato che stimola l'eliminazione attraverso i reni, e un grande numero di clisteri di caffè (pure biologico), poiché la caffeina serve ad aprire i dotti biliari che liberano grandi masse di materiale tossico. I succhi freschi contribuiscono anche alla seconda parte della terapia: aiutano il corpo a ottenere le sostanze nutrienti essenziali, i minerali e le vitamine in forma facilmente digeribile. Vengono somministrati altri alimenti: frutta e verdure, crudi o appena cotti, rigorosamente coltivati con sistemi biologici, insalate verdi e il passato già citato, preparato di fresco con verdure ed erbe specifiche. I succhi stimolano inoltre il fegato ed i reni ad eliminare le tossine accumulate. La terza fase del trattamento è la terapia epatica di sostegno sotto forma di ioduro organico e inorganico, notevoli quantitativi di una combinazione di tre sali di potassio in soluzione al 10% (acetato, gluconato e fosfato di potassio), enzimi pancreatici e vitamina B3.

    Il metodo Gerson è spesso associato solo alla cura del tumore: per quali altre patologie si rivela utile?
    Il Dottor Gerson sosteneva che nel cancro è decisivo il mutamento del quadro patologico generale, e non sintomatico. In altre parole il cancro è una malattia non-specifica e di conseguenza anche la terapia è non-specifica. Viene usata con pazienti di ogni età affetti da ogni tipo di cancro, e può venire modificata per il trattamento di malattie croniche non maligne, a seconda della gravità. Sarebbe più facile elencare le patologie che non rispondono alla terapia Gerson che non quelle che sono perfettamente guaribili. Ma per restare nel positivo, un parziale elenco di condizioni “incurabili” curate con la terapia includerebbe asma, allergie, artrite reumatoide, diabete, ipertensione, ipercolesterolemia, obesità, osteoporosi, emicranie, endometriosi, epatite, fibromialgia, iperattività, lupus eritematoso sistemico, sclerodermia, sclerosi multiple, e molte altre.

    La terapia può essere utilizzata anche a scopo preventivo?
    Nel suo capolavoro storico Una terapia per il tumore – 50 Casi Guariti, il Dottor Gerson dedica il terzo capitolo alla Prevenzione. Descrive gli obbiettivi di una sana alimentazione preventiva in questo modo: “garantisce un flusso ininterrotto di energia quotidiana, forza e riserve per il lavoro e altre attività”. Con la sua dieta preventiva le persone riuscivano a ottenere un’assicurazione sulla vita, precedentemente negata, e a diventare genitori in certi tipi di sterilità. Vivevano in piena attività e buona salute.

    Quali consigli si sente di dare a chi volesse accostarsi alla terapia Gerson?
    Direi di ricordare che la terapia è uno strumento di precisione e ogni sua componente ha un ruolo importante e influenza tutte le altre parti. Va praticata nella sua interezza, senza omettere un solo dettaglio. Cominciate la terapia solo se siete realmente intenzionati a mantenerla fino al raggiungimento della salute vera e totale. Anziché sopprimere i sintomi, la Terapia Gerson può guarirvi davvero e assicurarvi un futuro sano. La scelta è nelle vostre mani. Studiate il libro Guarire con il Metodo Gerson per capire cosa vuol dire esattamente sottoporsi alla terapia.


    ora guarda il documentario "Se solo avessimo saputo"... e poi non dire di non saperlo!
  • Howard Straus - Il Metodo Gerson

    Howard Straus - Il Metodo Gerson

    Il dottor Max Gerson, il famoso medico tedesco definito dal suo amico premio Nobel Albert Schweitzer "uno dei più importanti geni della Medicina mai esistiti", scoprì che facendo seguire ai pazienti una dieta strettamente vegetariana, eliminando dall'ambiente tutti i fattori noti come cancerogeni e "inondando"il corpo di nutrienti vegetali bio-disponibili, essi rispondevano in modo molto positivo dopo appena una settimana o meno! La circolazione migliorava, il trasporto dell'ossigeno era ripristinato e il sistema immunitario tornava ai compiti che gli erano propri, ovvero: proteggere il corpo dalle infezioni e dalle cellule anomale, e ricostruire le strutture danneggiate.
    Si tenga presente, per favore, che uno degli importanti effetti di una dieta strettamente vegetariana è il rapido ripristino del giusto livello di pH nel sangue, e quindi della sua capacità di trasportare ossigeno [...]. Dopo un anno e mezzo-due, la terapia dietetica di Gerson, unita a una potente disintossicazione del fegato, può invertire e riparare i danni provocati da una vita di scelte nutrizionali inadeguate, eliminare un tumore avanzato, ristabilire il funzionamento degli organi e ripristinare una salute duratura. Per esempio, uno dei pazienti del dottor Gerson, William Schickel, cominciò la terapia Gerson all'età di 32 anni, mentre stava morendo per un linfoma avanzato e incurabile. Guarito, ha avuto una lunga vita produttiva ed è morto solo qualche mese fa, a quasi novant'anni.
    Ebbene, la Terapia Gerson è chiaramente molto di più di un insieme composto da dieta vegetariana, succhi e clisteri disintossicanti al caffè.
    Nel mondo di oggi il cancro è diventato molto diffuso a causa del modo in cui mangiamo; degli inquinanti chimici che immettiamo continuamente nell'aria, nell'acqua e nel cibo; del fatto che le piante crescono su suoli carenti, con fertilizzanti artificiali e pesticidi velenosi; dei farmaci tossici che prendiamo su prescizione o agli angoli della strada; della mancanza di informazioni da parte delle istituzioni mediche, farmaceutiche, agricole e scientifiche sugli effetti nocivi delle loro pratiche redditizie, ma tossiche e dannose. Da quasi 100 anni, benché vi siano stati investiti centinaia di miliardi di dollari, la "ricerca" sul cancro ha accuratamente evitato di prendere in considerazione l'opera di Gerson e Warburg [ne parlerò in un altro articolo], che già da molto tempo l'avrebbe condotta a una cura efficace del cancro. È sufficiente considerare ciò per concludere che gli interessi commerciali delle agenzie mediche, farmaceutiche e governative non hanno nulla a che fare con la cura della malattia cronica, poiché nessuno si può arricchire raccomandando una dieta sana.

    Intervento tratto dalla conferenza dell'autore Howard Straus alla Cancer Control Society del 25-26 luglio 2009 e riportato sul numero 31 (1° trimestre 2010) di Scienza e Conoscenza.

    Howard StrausNipote del Dottor Max Gerson, si è laureato al Massachusetts Institute of Technology (MIT), e attualmente vive a Carmel, in California. Da 20 anni si impegna per la terapia Gerson, come uno dei direttori del Gerson Institute, redattore capo del Notiziario Gerson Healing Newletter, Presidente del Cancer Research Wellness Institute e come editore di numerosi volumi e opuscoli sulla Terapia Gerson. Ha negoziato la pubblicazione in 9 lingue del volume Healing the Gerson Way (Guarire con il Metodo Gerson, pubblicato in Italia dalla Macro Edizioni nel 2009) ed è l’autore di una biografia di suo nonno: Dr. Max Gerson: Healing the Hopeless, tradotto anche in tedesco. 
    Howard Straus ha tenuto conferenze in Tailandia, Malesia, Singapore, Giappone, Canada e in molte località negli Stati Uniti, ed è spesso ospite su programmi radiofonici chetrattano il tema del benessere. È apparso sulla TV nazionale in Singapore e Colombia.
  • La Rivoluzione del Filo di Paglia

    La Rivoluzione del Filo di Paglia

    La Rivoluzione del Filo di Paglia

    Voto medio su 8 recensioni: Da non perdere
    "Già da diversi mesi mi girava in testa l'idea di leggere La Rivoluzione del Filo di Paglia di Masanobu Fukuoka, ma continuavo a posticipare con la scusa di avere altre priorità, considerando soprattutto che al momento non ho un mio terreno da coltivare... poi, nelle ultimissime settimane questo libro mi è comparso ovunque, c'è mancato poco che lo sognassi! E così ho cominciato... Il mio corpo vibra durante la lettura, e chiamatela intuizione o percezione, ma so che questo libro contiene una Verità. Consiglio dunque a tutti, soprattutto alle persone legate alla natura, di leggerlo attentamente." Emanuela

    Condividiamo qui la prefazione al libro scritta da Wendell Berry, autore del Manifesto del Contadino Impazzito (già tradotto da DOCsubtitles)

    Questo libro è prezioso per noi perché è contemporaneamente pratico e filosofico. È un libro necessario e ispiratore per quanto riguarda l’agricoltura perché non parla solo di agricoltura.
    Come molti in questo paese e prima degli altri, Fukuoka ha capito che non possiamo isolare un aspetto della vita da un altro. Quando cambiamo il modo di coltivare il nostro cibo, cambiamo il nostro cibo, cambiamo la società, cambiamo i nostri valori. E così questo libro spiega come fare attenzione ai rapporti fra tutte le cose, alle cause e agli effetti e parla dell’essere responsabili per quello che si conosce.

    Quando Fukuoka parla di quelli che chiama i suoi metodi agricoli del «non fare», un occidentale potrebbe opportunamente ricordare Matteo 6,26 :


    «Seguite con lo sguardo questi esseri che volano nel cielo: non fanno né semina né mietitura, né hanno granai per ammassarvi qualcosa. È vostro padre, quello celeste, che pensa a nutrirli».


    Lo scopo in tutt’e due i casi, mi pare sia di indicarci il nostro giusto posto nell’ordine delle cose: non abbiamo fabbricato né il mondo né noi stessi; viviamo usando la vita, non creandola. Ma naturalmente un contadino non può coltivare senza lavorare, come un uccellino non può trovare il cibo se non se lo cerca. Qui perciò non si parla contro il lavoro, ma contro il lavoro non necessario. La gente a volte lavora di più di quello che ha bisogno per le cose che desidera e alcune delle cose che desidera non ne ha bisogno.

    Fukuoka vuole seguire il tema nella sua completezza e non dimentica mai che la sua completezza comprende sia quello che si sa, sia quello che non si sa di esso. Quello che teme nella moderna scienza applicata è il disprezzo per il mistero, la sua disponibilità a ridurre la vita solo a quello che se ne sa e ad agire con la presunzione che ciò che non si conosce può tranquillamente essere ignorato. «La natura come viene afferrata dalla conoscenza scientifica» dice, «è una natura distrutta, è un fantasma con uno scheletro ma senz’anima».
    Quella di Fukuoka è una scienza che comincia e finisce nel rispetto, nella consapevolezza che l’umana ragione necessariamente degrada qualunque cosa afferra. Non è il sapere che ci dà il senso della completezza, ma la gioia, che possiamo avere soltanto senza afferrare. Troviamo questo principio confermato in certi passaggi del Vangelo e anche in William Blake:


    Colui che lega a sé una gioia distrugge le ali alla vita;

    ma colui che bacia la gioia che vola
vive nell’aurora dell’Eternità.


    Questa è la grazia che è all’origine dell’intuizione agricola di Fukuoka: «Quando si capisce che si perde la gioia e la felicità nello sforzo di possederle, si arriva all’essenza dell’agricoltura naturale».

    E questa agricoltura «naturale» che ha la sua origine e la sua fine nel rispetto è dappertutto umana e sensibile. Gli esseri umani lavorano al meglio quando lo fanno per il bene della gente piuttosto che per una «maggiore produzione» o per «più efficienza», che sono stati gli obiettivi quasi esclusivi dell’agricoltura industriale. «Lo scopo vero dell’agricoltura» dice Fukuoka, «non è far crescere i raccolti, ma la coltivazione e il perfezionamento degli esseri umani». E parla dell’agricoltura come di una via: «Essere qui, prendendosi cura di un piccolo campo, in pieno possesso della libertà e pienezza di ogni giorno, quotidianamente: questa deve essere stata la via originaria dell’agricoltura». Un’agricoltura completa nutre l’intera persona, corpo ed anima. Non si vive di solo pane.

    nota: il corsivo è originale, il grassetto è stato da noi aggiunto

    Sulla pagina facebook, abbiamo creato un album in cui inseriremo immagini e descrizioni relative all'agricoltura naturale e alla Permacultura. Troverete anche estratti dal libro. Buona lettura!!


    PER SAPERNE DI PIÙ... PARTECIPA!
    Dal 18 al 21 aprile presso Il Casone - Valle dell'Aniene (RM), uniremo i saperi, le competenze e le esperienze di più o meno esperti, tra cui Luciano Furcas!, per realizzare insieme e in allegria un orto in permacultura.

    La progettazione in permacultura permette di connettere gli elementi e di avvalersi di tecniche e pratiche prese in prestito da altre discipline.

    Un'opportunità di condivisione e partecipazione, nata dall'esperienza unita all'intenzione di Mani nella Terra, degli amici dell'Associazione Culturale Tavola Rotonda e del Movimento per la Decrescita Felice Roma, che riconosce le esigenze del momento e la volontà di apprendere con una modalità che vada oltre l'aspetto teorico e coinvolga i partecipanti, trasmettendo nozioni direttamente sul campo e... dal campo!
    Info: www.maninellaterra.org/p/orto-in-permacultura-2013.htmlpermacultura@maninellaterra.org

    Altri corsi
    - laboratorio pratico di costruzione di un forno in terra cruda
    corso certificato di progettazione in Permacultura con Saviana Parodi
    Per rimanere aggiornato sugli eventi compila il form qui www.maninellaterra.org/p/eventi.html


    Bibliografia di base
    (bibliografia permacultura completa QUI)
    acquistando su Macrolibrarsi ed inserendo il codice partner 3173
    potrai inoltre sostenere Mani nella Terra, scopri di più
    www.maninellaterra.org/p/sostienici-acquistando-su.html
    La Rivoluzione del Filo di Paglia
    Masanobu Fukuoka
    La Rivoluzione 
    del Filo di Paglia
    Da non perdere
    Il Mio Orto Biologico
    E, AccorsiF. Beldì
    Il Mio Orto Biologico

    Voto medio su 4 recensioni: Buono
    Il Suolo - Un Patrimonio da Salvare
    C. e L. Bourguignon
    Il Suolo - Patrimonio
    da Salvare
    Voto medio su 4 recensioni: Buono
    Permacultura per Tutti - Libro
    Patrick Whitefield
    Permacultura 
    per Tutti
    Buono
    L'Acqua Pura e Semplice
    Paolo Consigli
    L'Acqua 
    Pura e Semplice
    Da non perdere