Ad oggi, non è dimostrato sperimentalmente che il consumo di alimenti biotech possa essere nocivo alla salute dell'uomo (non è vero per quanto riguarda ad esempio i topi: http://www.ilfattoquotidiano.it/2012/10/08/uomini-e-topi/373909/). Abbiamo precedentemente affermato che la popolazione statunitense si nutre inconsapevolmente di tali alimenti da oltre dieci anni. Non si può, però, fare una valutazione accurata degli impatti sanitari degli OGM, poiché tutta la popolazione è indistintamente esposta. Un'accurata analisi epidemiologica presuppone una comparazione tra una porzione di popolazione alimentata esclusivamente con cibi geneticamente modificati, nella quale si tenga conto di determinati parametri (area di residenza, esposizione a inquinanti, distribuzione dell'età, comportamente e abitudini alimentari, stili di vita etc.) e una porzione di popolazione non alimentata con alimenti transgenici. Solo attraverso uno studio così preparato si può forse riuscire a definire i cambiamenti indotti dal consumo di OGM in campo alimentare.

C'è sicuramente un rischio potenziale dovuto all'instabilità dei geni inserirti all'interno del DNA della cellula ospite, rischio molto maggiore per gli animali che non per le piante che sopportano molto meglio le modificazioni del loro patrimonio genetico. C'è anche, però, una profonda diffidenza da parte del consumatore che ritiene gli alimenti geneticamente modificati non naturali, frutto cioè di esperimenti volti a soddisfare più le esigenze di mercato che non di palato.

Le preoccupazioni dei consumatori ruotano fondamentalmente intorno a tre questioni: la possibilità che gli OGM possano indurre allergie, che possano favorire la resistenza agli antibiotici grazie all'uso di questi ultimi come marcatori e che possano verificarsi dei rimaneggiamenti del DNA umano per l'ingestione di alimenti geneticamente modificati.

Relativamente alle allergie, la presenza del transgene può indurre un cambiamento nella composizione proteica di molti alimenti geneticamente modificati e, quindi, indurre la formazione di allergeni che possono provocare una risposta immunitaria nell'organismo e quindi scatenare l'allergia. Sono stati effettuati vari esperimenti in proposito, ma nessuno ha confermato incontrovertibilmente che la causa scatenante delle allergie sono i cibi geneticamente modificati. Le allergie dipendono in primis dalla predisposizione del singolo individuo.

Riguardo la seconda questione, quando s'inserisce un gene, con la caratteristica selezionata, nel DNA di una cellula ospite, si introduce, accoppiato ad esso, anche un gene marcatore (marker), cioè un gene che serve per identificare il punto sul DNA dove è avvenuta l'inserzione. Il marker è un po' come una bandierina su una cartina stradale, serve per far capire in che punto il DNA è stato modificato. Negli OGM di prima generazione furono utilizzati come marker geni di resistenza agli antibiotici. Questo creò non poche polemiche. Il rischio che animali nutriti con alimenti geneticamente modificati recanti questi marcatori trasferissero la resistenza all'antibiotico, a batteri patogeni rendendoli immuni, era elevato. L'uso di questi marcatori fu regolato dalla direttiva 2001/18/CE, recepita in Italia con il D.Lgs. 224/2003: i geni che esprimono una resistenza agli antibiotici utilizzati per trattamenti medici o veterinari devono essere rimossi entro il 31 dicembre 2008. Sembra, però, che l'impiego di geni di resistenza agli antibiotici, come marcatori, non desti preoccupazione nei paesi extra-europei, che non hanno ancora legiferato in proposito.

Infine, per la terza questione, se si dovesse verificare all'interno dell'organismo umano un'interazione tra un gene esterno e il genoma, si potrebbero riscontrare due situazioni: a) visto che il gene è portatore di una determinata caratteristica, che questa possa esprimersi nella cellula umana; b) una mutazione genetica. Da esperimenti effettuati, nel breve periodo, sembra di poter escludere interferenze quando i transgeni sono ingeriti con la dieta. Anche quando si è riscontrata la presenta di DNA estraneo, esso non er espresso e dopo un po' veniva degradato. La stessa cosa non si può dire per farmaci vaccini ottenuti via transgenica e somministrati per via intramuscolare, che mostravano un gene attivo per ben 17 mesi.

Nel 2006 è stato pubblicato da Greenpeace, in collaborazione con Genewatch UK, un registro mondiale della contaminazione da OGM. Il sito con un pratico motore di ricerca, offre i dettagli di tutti i casi noti di contaminazione da OGM di cibo, mangimi, semi e piante selvatiche nel mondo: http://www.gmcontaminationregister.org/ 


ogm

1.Cosa sono gli OGM
In ogni cellula del nostro corpo è presente una molecola, il DNA, la sede dell'informazione genetica, che viene trasmessa ereditariamente. Nel DNA, infatti, esistono delle unità chiamate geni che sono i responsabili del colore dei nostri occhi e capelli, della nostra altezza, insomma delle caratteristiche del nostro organismo.

monsanto-manipolazione

2.Obiettivi disattesi ed effetti collaterali
...La vendita del Roundup procede di pari passo con la vendita di piante geneticamente modificate resistenti al principio attivo del glifosato, che ha la particolarità di distruggere nelle coltivazioni tutte le piante che non possiedono questo principio attivo...


monsanto-label

3.Guerre commerciali
La popolazione americana, che si nutre di OGM da oltre un decennio, non fu mai informata della manipolazione genetica cui erano sottoposti i loro alimenti, poiché vennero immessi sul mercato senza un'adeguata etichettatura.



biodiversita

4.OGM e biodiversità
...si corre il rischio che tollerando le soglie di contaminazione accidentale, anche molto basse, si possa, con il tempo, avere comunque colture convenzionali e biologiche con alti livelli di contaminazione...



No-GMO-label

5.OGM e agricoltura
Il sistema agricolo biotecnologico è un sistema potente sostenuto da forze politiche, scientifiche ed economiche; la penetrazione degli OGM nel nostro territorio è irreversibile, una volta che gli OGM saranno entrati non si potranno più eliminare; gli OGM sono quindi invasivi; come si può mantenere un prodotto alimentare privo di OGM se è permessa una tolleranza dello 0,9%?

gallina-OGM

6.OGM e salute
C'è sicuramente un rischio potenziale dovuto all'instabilità dei geni inserirti all'interno del DNA della cellula ospite, rischio molto maggiore per gli animali che non per le piante che sopportano molto meglio le modificazioni del loro patrimonio genetico.


resistenza

Conclusioni
Un consumatore che sia adeguatamente informato può optare per determinate scelte piuttosto che per altre, può dettare le regole del gioco piuttosto che esserne succube, può orientare le politiche dell'industria alimentare e chiedere una normativa che rispetti le esigenze di trasparenza e chiarezza.






Gli OGM: dalle erbe "pazze" ai cibi biotech
1.Cosa sono gli OGM 2.Obiettivi disattesi ed effetti collaterali 3.Guerre commerciali
4.OGM e biodiversità 5.OGM e agricoltura 6.OGM e salute Conclusioni





libri e DVD per approfondire
OGM: i Rischi per la Salute - Libro
Jeffrey M. Smith
OGM: i Rischi per la Salute 
Arianna Editrice
Voto medio su 6 recensioni: Da non perdere
La Sicurezza degli OGM
Arpad Pusztai, Susan Bardocz
La Sicurezza degli OGM
Edilibri
Voto medio su 5 recensioni: Buono
L'imperatore OGM è senza Vestiti
Autori Vari
L'imperatore OGM è senza Vestiti
Libreria Editrice Fiorentina
Voto medio su 4 recensioni: Da non perdere
Quel Gene di Troppo
Mariano Bizzarri
Quel Gene di Troppo
Editori Riuniti


Agri-business - I Semi della Distruzione
F. William Engdahl
Agri-business - I Semi della Distruzione
Arianna Editrice
Voto medio su 2 recensioni: Da non perdere
Il Mondo Secondo Monsanto
Marie-Monique Robin
Il Mondo Secondo Monsanto - libro
Arianna Editrice
Voto medio su 10 recensioni: Da non perdere
Il Mondo Secondo Monsanto - DVD
Marie-Monique Robin
Il Mondo Secondo Monsanto - DVD
Macrovideo
Voto medio su 8 recensioni: Da non perdere
Geni Fuori Controllo - DVD
Bertram Verhaag, Gabriele Kröber
Geni Fuori Controllo - DVD
Mt0 - Macroticonzero
Voto medio su 1 recensioni: Da non perdere

Grazie per aver letto il nostro articolo, se ti è piaciuto condividilo!