In ogni cellula del nostro corpo è presente una molecola, il DNA, la sede dell'informazione genetica, che viene trasmessa ereditariamente. Nel DNA, infatti, esistono delle unità chiamate geni che sono i responsabili del colore dei nostri occhi e capelli, della nostra altezza, insomma delle caratteristiche del nostro organismo. Il DNA varia da individuo ad individuo, e da specie a specie. Il nostro patrimonio genetico non sarà mai uguale a quello di un'altra persona, nonostante apparteniamo alla stessa specie; di sicuro sarà assolutamente diverso da quello di un fiore o di un gatto. Le informazioni che risiedono nei geni sono trasmesse di generazione in generazione attraverso la riproduzione. Quest'ultima è possibile solo tra individui appartenenti alla stessa specie. Non vi potranno mai essere discendenti derivati da un incrocio tra un'ape e una mucca o tra una spiga di grano e una rosa, nonostante, questi ultimi, appartengano allo stesso regno, quello vegetale.

Sebbene siano secoli che gli agricoltori, come i giardinieri, incrocino piante di varietà diverse (ibridazione), per selezionare le caratteristiche migliori, non si sarebbe mai potuto ipotizzare di inserire, in un pomodoro, il gene di resistenza al freddo di un pesce artico, se non fosse stato per quella rivoluzione bio-tecnologica che ha dato alla luce una nuova disciplina, l'ingegneria genetica. I geni, che perima erano racchiusi all'interno dei confini della propria specie, hanno acquisito una certa modibilità e abbattuto tutte le barriere. Per alcuni ricercatori è stata una conquista, in altri ha suscitato gravi perplessità. Era corretto manipolare geneticamente una molecola come quella del DNA per il cui sviluppo è stato necessario un processo evolutivo lungo tre miliardi di anni?

L'era delle biotecnologie ha permesso di esautorare la riproduzione dal suo ruolo di strumento al servizio degli esseri viventi per trasmetter i caratteri ereditari. Allo stato attuale, evitando l'accoppiamento sessuale, si possono prelevare dal DNA, porzioni di materiale genetico e, con l'aiuto di specie parassite come i virus, inserirli nel DNA di un organismo ricevente. Il trasferimento può avvenire anche tra specie non affini. Il mai Bt, per esempio, contiene un gene che produce una molecola insetticida, letale per certi tipi di farfalla, e che proviene dal DNA di un batterio (bacillus thuringiensis) che vive nel terreno. È necessario specificare che il gene contiene l'informazione che detta alla cellula, serve per produrre la proteina che a sua volta crea la molecola insetticida.

Il problema sostanziale, in tutto questo andirivieni di geni, è che non è detto che il gene inserito nella cellula ospite funzioni correttamente. Quando, nel 1990, si cominciò a studiare il genoma (la totalità del DNA di una cellula) umano (Human Genome Project), i ricercatori erano convinti che ogni gene codificasse per una proteina. Le proteine conosciute erano circa centomila, quindi si ipotizzò che ci fossero altrettanti geni. Alla fine della ricerca risultò che i geni erano appena trentamila. Com'era possibile? L'unica risposta plausibile fu che un gene codificasse per più di una proteina. Addentrarsi ulteriormente all'interno della questione genetica risulterebbe piuttosto complesso, l'unica cosa che si può ancora dire è che i meccanismi che regolano la traduzione di una proteina in molecola sono molteplici e non facilmente prevedibili. Si è verificato, infatti, che in alcuni casi lo spostamento non previsto di geni abbia costretto i produttori a un ritiro degli alimenti ingegnerizzati dal mercato.

Dalle ricerche ingegneristiche sono nati gli OGM che è un acronimo che sta per Organismo geneticamente modificato, anche se i più ottimisti parlano di Organismi geneticamente migliorati [Jean-Marie Pelt, L'orto di Frankestein: cibo e piante transgenici]. Gli scopi per i quali furono creati sono assolutamente nobili: aumentare la produttività delle coltivazioni per risolvere l'atavico problema della fame nel mondo, generare resistenza ai parassiti e altri patogeni e di conseguenza diminuire l'uso dei pesticidi, aumentare le qualità nutrizionali di alcuni alimenti, ricorrere a un uso minore della risorsa idrica per la crescita delle culture, produrre molecole farmaceutiche con proprietà terapeutiche e così via. Peccato che, almeno fino ad oggi, la maggior parte di questi obiettivi siano stati disattesi e che abbiano generato una serie di effetti, per così dire, collaterali.


ogm

1.Cosa sono gli OGM
In ogni cellula del nostro corpo è presente una molecola, il DNA, la sede dell'informazione genetica, che viene trasmessa ereditariamente. Nel DNA, infatti, esistono delle unità chiamate geni che sono i responsabili del colore dei nostri occhi e capelli, della nostra altezza, insomma delle caratteristiche del nostro organismo.

monsanto-manipolazione

2.Obiettivi disattesi ed effetti collaterali
...La vendita del Roundup procede di pari passo con la vendita di piante geneticamente modificate resistenti al principio attivo del glifosato, che ha la particolarità di distruggere nelle coltivazioni tutte le piante che non possiedono questo principio attivo...


monsanto-label

3.Guerre commerciali
La popolazione americana, che si nutre di OGM da oltre un decennio, non fu mai informata della manipolazione genetica cui erano sottoposti i loro alimenti, poiché vennero immessi sul mercato senza un'adeguata etichettatura.



biodiversita

4.OGM e biodiversità
...si corre il rischio che tollerando le soglie di contaminazione accidentale, anche molto basse, si possa, con il tempo, avere comunque colture convenzionali e biologiche con alti livelli di contaminazione...



No-GMO-label

5.OGM e agricoltura
Il sistema agricolo biotecnologico è un sistema potente sostenuto da forze politiche, scientifiche ed economiche; la penetrazione degli OGM nel nostro territorio è irreversibile, una volta che gli OGM saranno entrati non si potranno più eliminare; gli OGM sono quindi invasivi; come si può mantenere un prodotto alimentare privo di OGM se è permessa una tolleranza dello 0,9%?

gallina-OGM

6.OGM e salute
C'è sicuramente un rischio potenziale dovuto all'instabilità dei geni inserirti all'interno del DNA della cellula ospite, rischio molto maggiore per gli animali che non per le piante che sopportano molto meglio le modificazioni del loro patrimonio genetico.


resistenza

Conclusioni
Un consumatore che sia adeguatamente informato può optare per determinate scelte piuttosto che per altre, può dettare le regole del gioco piuttosto che esserne succube, può orientare le politiche dell'industria alimentare e chiedere una normativa che rispetti le esigenze di trasparenza e chiarezza.






Gli OGM: dalle erbe "pazze" ai cibi biotech
1.Cosa sono gli OGM 2.Obiettivi disattesi ed effetti collaterali 3.Guerre commerciali
4.OGM e biodiversità 5.OGM e agricoltura 6.OGM e salute Conclusioni






libri e DVD per approfondire
OGM: i Rischi per la Salute - Libro
Jeffrey M. Smith
OGM: i Rischi per la Salute 
Arianna Editrice
Voto medio su 6 recensioni: Da non perdere
La Sicurezza degli OGM
Arpad Pusztai, Susan Bardocz
La Sicurezza degli OGM
Edilibri
Voto medio su 5 recensioni: Buono
L'imperatore OGM è senza Vestiti
Autori Vari
L'imperatore OGM è senza Vestiti
Libreria Editrice Fiorentina
Voto medio su 4 recensioni: Da non perdere
Quel Gene di Troppo
Mariano Bizzarri
Quel Gene di Troppo
Editori Riuniti


Agri-business - I Semi della Distruzione
F. William Engdahl
Agri-business - I Semi della Distruzione
Arianna Editrice
Voto medio su 2 recensioni: Da non perdere
Il Mondo Secondo Monsanto
Marie-Monique Robin
Il Mondo Secondo Monsanto - libro
Arianna Editrice
Voto medio su 10 recensioni: Da non perdere
Il Mondo Secondo Monsanto - DVD
Marie-Monique Robin
Il Mondo Secondo Monsanto - DVD
Macrovideo
Voto medio su 8 recensioni: Da non perdere
Geni Fuori Controllo - DVD
Bertram Verhaag, Gabriele Kröber
Geni Fuori Controllo - DVD
Mt0 - Macroticonzero
Voto medio su 1 recensioni: Da non perdere

Grazie per aver letto il nostro articolo, se ti è piaciuto condividilo!