• Parole Contadine - Tempo di vendemmia

    All'inizio di settembre si andava a pulire i marroneti: ci doveva essere tanto pulito da poterci trovare un ago! Poi si facevano dei piccoli fossi (le ritenute) in modo che durante la raccolta i marroni non sarebbero rimbalzati troppo lontano. Spesso si trovava anche qualche fungo porcino, così si rimediava anche la cena per la sera.

    Settembre era il mese della frutta: mele, pesche, pere, noci, fichi. Mia madre preparava le "picce", fichi secchi con dentro l'anice: a quei tempi non c'erano le caramelle e queste erano una vera leccornia! Lei faceva anche la conserva di pomodoro, che doveva bastare fino alla primavera seguente, e se non bastava non c'era mica il supermercato!

    In previsione della vendemmia, dal legno di castagno si facevano le cestelle e gli scalei. Ogni sera si andava alla tinaia del paese e si annaffiavano i tini con la pompa per dare l'acquetta alle viti, per farli gonfiare. Dopo quindici giorni, si cominciava a vendemmiare. Partecipava tutta la famiglia: c'era molta allegria e ogni tanto si mangiava un chicco per controllare se era buono...

    Ogni sera si pestava la vinaccia nei tini coi piedi: se uno aveva i reumatismi gli faceva bene, i piedi sporchi poi si pulivano che era una meraviglia! Dopo una decina di giorni era tutto pronto per svinare nei barili: dieci per noi, dieci per il padrone.


    - Tratto da Il libro di Pietro, l'autobiografia di un contadino cresciuto ai tempi della mezzadria.

    Voto medio su 2 recensioni: Da non perdere



    A settembre i contadini si preparano alla vendemmia, ma con il progresso e la tecnologia tutto è cambiato. "Da contadini mezzadri la vita era un po' triste, però si cantava lo stesso. Ora non si canta più". Sono parole di Pietro Pinti, autore del libro. E probabilmente ha ragione, prima si cantava, e forse si ballava pure... Guarda il video che ti propongo! ;-)



    P.S. Pigiare l'uva coi piedi è un sogno che ho sin da bambina, se qualcuno ha delle conoscenze per favore mi scriva a emanuela@maninellaterra.org grazie!
  • 0 commenti: