• come realizzare un'aiuola pacciamata

    Sezione dell'aiuola pacciamata: 
    1. Strato di pacciamatura (circa 20cm); 2. Strato di letame (5-10cm); 
    3. Strato di cartoni ondulati o giornali; 4. Strato di erbacce; 5. Terreno.

    Ci sono molti modi per utilizzare la pacciamatura. Uno dei più interessanti è nella creazione di un nuovo orto partendo da zero, in un campo infestato da erbe perenni di ogni tipo. Una sfida non da poco, se si tratta di zappare, o passare più volte con la motozappa, ma che diventa un gioco da ragazzi quando si utilizza la pacciamatura. Ecco come fare:

    Fase 1
    Schiacciate le infestanti. Non è necessario estirparle o falciarle. È utile (ma non obbligatorio) passare una spolverata di concime organico fortemente azotato, come la pollina.

    Fase 2
    Coprite il terreno con uno strato di cartone (meglio utilizzare scatole non colorate), fogli di quotidiani o altro materiale organico. La regola base è che tutto quello che utilizzate nell'orto deve potersi decomporre nel tempo.
    Lo strato di copertura non deve presentare fessure ed è meglio sovrapporre i bordi dei cartoni o dei fogli di giornale per almeno 20 cm, per evitare che le infestanti più vigorose riescano comunque a svilupparsi.

    Fase 3
    Sopra la pacciamatura è necessario distribuire qualcosa che, oltre a fornire sostanze nutritive, impedisca al cartone di volare via. Il letame è perfetto per questo scopo, alternativamente si può usare compost mature, purché non contenga semi o parti radicali delle infestanti. Questo strato dovrebbe essere spesso dai 5 ai 10 cm.

    Fase 4
    Le patate sono la coltura più indicata per avviare un'aiuola pacciamata. Alternativamente, vanno bene tutte le piante che richiedono una certa distanza le une dalle altre, come le zucche, il mais dolce o i cavoli. Le piantine trapiantate assicurano risultati migliori rispetto ai semi, che spesso finiscono sepolti sotto la pacciamatura a causa degli uccelli che smuovono lo strato superficiale in cerca di insetti e larve.
    Prendete un attrezzo appuntito, come un vecchio cacciavite o un coltello, e infilandolo nella pacciamatura praticate un foro fino a raggiungere il terreno, in modo da facilitare lo sviluppo delle radici verso il basso. Allontanate quindi il letame dalla zona che circonda l'apertura, aggiungete due manciate piene di terriccio e mettetevi la vostra piantina a dimora, evitando così il contatto diretto con il letame. Non è necessario far passare le radici dentro il foro praticato nello strato di cartone e di erbacce: ci arriveranno da sole.
    Bagnate le piantine, evitando di inumidire la pacciamatura. La pacciamatura trattiene l'acqua in maniera molto efficiente, tanto che può bastare l'umidità della notte a tenerla bagnata, a meno che non intervengano lunghi periodi di siccità.

    Fase 5
    Infine, coprite l'aiuola con uno strato di circa 20 cm di paglia o materiali simili. Un misto di sfalci d'erba e foglie cadute funziona benissimo e spesso le amministrazioni locali ne hanno grandi quantità da buttar via. Il fieno non è adatto per la pacciamatura, perché potrebbe contenere molti semi che, germinando, rischiano di riempire le aiuole di infestanti.
    Se avete piantato le patate, potete pacciamare tutta la superficie dell'aiuola, ricordandovi però di aprire un varco intorno alle piantine quando spunteranno. Se il clima è piovoso, aspettate ad applicare la pacciamatura fino a quando le pianticelle saranno abbastanza grandi da sopravvivere all'assalto delle lumache.
    Procurarsi il materiale per la pacciamatura può richiedere molto tempo, ma non è niente in paragone al lavoro necessario per rimuovere una per una tutte le infestanti (e tutte le loro radici) dal suolo. Oltre a permettere un risparmio in termini di lavoro e di acqua per l'irrigazione, il riuso del cartone per la pacciamatura è un ottimo modo per trasformare i rifiuti di una società sprecona in nuova fertilità per il suolo.

    - tratto da Permacultura per tutti pp. 106 - 109
    leggi anche l'introduzione al libro di Saviana Parodi e il primo capitolo QUI

    PROVA ANCHE TU!
    Partecipa al corso di progettazione in permacultura:
    - dal 21 maggio al 2 giugno a Capoterra, Cagliari www.facebook.com/events/133607680151416/
    - dal 27 luglio all'8 agosto a Castelnuovo di Farfa, Rieti
    PRENOTA a permacultura@maninellaterra.org, ti aspettiamo!


    Bibliografia di base
    (bibliografia completa QUI)
    acquistando su Macrolibrarsi ed inserendo il codice partner 3173
    potrai inoltre sostenere Mani nella Terra, scopri di più
    www.maninellaterra.org/p/sostienici-acquistando-su.html
    Introduzione alla Permacultura - Libro
    Bill Mollison
    Introduzione 
    alla Permacultura
    Buono
    Permacoltura
    Bill Mollison,
    David Holmgren
    Permacoltura
    Buono

    Permacultura - Libro

    David Holmgren
    Permacultura 
    Sufficiente
    Permacultura per Tutti - Libro
    Patrick Whitefield
    Permacultura 
    per Tutti
    Da non perdere
    La Rivoluzione del Filo di Paglia
    Masanobu Fukuoka
    La Rivoluzione 
    del Filo di Paglia
    Da non perdere
  • 0 commenti: